[SFIGA?] La sfiga NON esiste ma quando è presente abbraccia ogni aspetto della nostra vita …

sfiga

La sfiga è un’amante fedele e non ti abbandona neanche quando sei nella merda. – Paco D’Alcatraz

“Sfiga”, questa parola è l’alibi che usiamo più spesso quando non vogliamo assumerci la responsabilità in prima persona. E se negli ultimi 5 anni la Tua vita non ha subito nessun miglioramento sostanziale è probabile che questa parola Tu l’abbia usata spesso.

Certo, potrebbe essere stata tutta colpa della sfiga se ad un certo punto della Tua vita hai smesso di seguire il sentiero della felicità e del benessere.

Del resto quando le cose vanno male a chi possiamo scaricare la colpa se non al destino e alla sfiga?

Non sono i nomi con cui chiamiamo le cose (fortuna, caso, o destino) ad impattare negativamente sui nostri pensieri e sul nostro benessere, quanto piuttosto i significati errati che diamo a queste parole.

Secondo alcune persone non esisterebbe alcuna “forza misteriosa”, a remare contro di esse, e quand’anche ammettono che la sfiga esiste, si dicono convinte che esista solo nella mente di alcune persone.

Io me lo sono sempre chiesto e forse Te lo chiedi anche Tu: perché anche le persone che dicono di non credere alla sfiga si comportano poi come se ci credessero?

In tutti i casi, che la sfiga esista davvero, o sia solo uno stato mentale, sta a noi decidere se darle potere o meno.

Certo è che quella della sfiga è una credenza limitante che va sostituita con una credenza potenziante. Meglio quindi cominciare a pensare a qualcosa che possa aiutarci a vivere la vita che meritiamo.

E’ anche vero che è piuttosto comodo avere sempre a portata di mano una buona giustificazione che ci permetta di digerire meglio le sconfitte, e questo deve essere il motivo per cui è così difficile smantellare questa credenza limitante.

Credere nella sfiga ci aiuta a toglierci ogni responsabilità di dosso, ed anche se questo ci porta a perdere un pezzo della nostra integrità, preferiamo di gran lunga convincerci che non si tratti di una nostra responsabilità ma piuttosto di eventi esterni indipendenti da noi.

Il segreto è andare avanti senza rimanere ancorati agli errori del passato, ricordando che niente è facile ma tutto è possibile.

Occorre inoltre diventare consapevoli che le uniche persone che non falliscono mai, sono quelle che non tentano mai. Tutte le altre sono destinate a commettere errori.

Basta infatti uno stupido errore ripetuto un paio di volte ed arriviamo subito a sentenziare che “non siamo bravi abbastanza”.

Ed ecco che una delusione d’amore, un’amicizia persa, un’occasione mancata, un problema a lavoro, una ruota dell’automobile bucata, un autobus perso per un soffio, e persino un improvviso acquazzone che ci prende alla sprovvista,  giorno dopo giorno e anno dopo anno, finiscono per diventare delle verità assolute. Le esperienze passate infatti avvalorano queste nostre convinzioni.

Il problema sta nel fatto che una volta che un filtro mentale modifica la nostra realtà, anche la più piccola e stupida credenza può radicarsi fino al punto da sembrarci inestirpabile.

Possiamo mai controllare la nostra vita se lasciamo che questa dipenda da fattori esterni a noi?

Ok, anche se non vogliamo chiamarla: “sfiga”, è indiscutibile che una sorta di forza misteriosa a volte attraversa le nostre vite in maniera del tutto imprevedibile, e riesce a scombussolarci le giornate, quando non addirittura l’esistenza.

Ci sono un sacco di cose che non sono sotto il nostro diretto controllo, ed è evidente che il passo tra essere uno “sfigato”, o essere un “perdente”, è assai breve. Tuttavia, anche se non si riesce ad avere il controllo su tutto ciò che ci circonda, possiamo sempre scegliere di reagire in maniera diversa agli ostacoli e alle sfide che ci si parano di fronte.

Certo è che “credersi uno sfigato” sposta immediatamente il proprio focus mentale sulle cose che in passato non siamo riusciti a portare a termine. E purtroppo è assolutamente irrilevante che la credenza in questione sia vera o meno, perché in tutti i casi, verrà considerata dal nostro subconscio una verità assoluta, e le verità assolute, come sappiamo, hanno il brutto difetto di non essere mai messe in discussione.

Ma il problema non sono tanto le occasioni che fin ora ci siamo lasciati sfuggire, a causa delle nostre “credenze limitanti”, ma quelle che potremmo consapevolmente perdere se non decidessimo di cambiare direzione.

La vita va avanti per cui, da questo momento guarda avanti:

  • smetti di guardarti continuamente indietro;

  • assumi una postura eretta e corretta;

  • raddrizza le spalle;

  • tira un respiro profondo;

  • lascia andare ogni paranoia:

  • rafforza la Tua autostima e la Tua sicurezza interna;

  • sorridi a Te stesso;

a quel punto, la Tua fisiologia avrà già dato il via a quel cambiamento che auspichi per vivere al meglio la Tua vita.

Ora, Ti lascio con la domanda più importante: “Come vedi Te stesso in un prossimo futuro?”.

Non accontentarti perché meriti di più!

immagine-profilo-google-youtube

Bruno Sapelli (Esperto in Comunicazione verbale e non verbale).

CHI SONO E COSA FACCIO IN BREVE:

In qualità di Formatore, sostanzialmente mi occupo di facilitare i processi di Comunicazione interpersonale e come Pranoterapeuta, rendo di fatto, anche a livello energetico, più robusta e funzionale la relazione tra le persone, in famiglia, o in azienda.

COME PUOI CONTATTARMI:

Tel. +39 3479013343

E-mail:brunosapelliformatore@gmail.com

N.B. Inviando i Tuoi dati autorizzi espressamente il trattamento degli stessi ai sensi della legge D. Lgs 196/2003 e s.m.

P.S. Questo sito è contro lo spam e Tuoi dati verranno custoditi nel pieno rispetto della vigente normativa sulla Privacy e per nessun motivo verranno mai ceduti a terzi.

Annunci